Trucco egiziano: l’Antico Egitto e il make up

Liz Taylor, superba Cleopatra, è diventata grazie all’omonimo film un’icona del trucco egiziano. L’immagine dell’attrice, incredibilmente bella e sapientemente truccata, ha fatto il giro del mondo e si può dire che, da allora, il trucco egiziano va fatto in quel modo: alla Liz Taylor.

Il trucco egiziano ha da sempre affascinato curiosi e addetti ai lavori del mondo del make up, che lo hanno studiato e riprodotto in versioni più o meno fedeli all’originale.

In particolare, a destare l’attenzione dei make up artist è stato l’utilizzo degli elaborati maquillage pensati per le donne dell’Antico Egitto, dimenticando però che grande importanza rivestiva anche il trucco egiziano uomo.

I reperti archeologici rinvenuti anche nelle piramidi e le raffigurazioni di momenti della vita di tutti i giorni hanno mostrato come questa civiltà fosse avanzata in tema di make up, pur non avendo case cosmetiche e prodotti di bellezza all’avanguardia come i nostri.

Sfumature brillanti, colori luminosi e tinte vivide, per make up elaborati e raffinati, che hanno portato molti make up artist a studiare i segreti e la storia del trucco egiziano.

Tanto interesse per il trucco egiziano è dovuto sicuramente al fatto che di esso ci sono pervenute numerose testimonianze, dalle quali si sono potuti evincere chiaramente trucco, pettinature e look di una popolazione così attenta alla cura per il corpo e alla propria bellezza.

Ma vediamo come fare un trucco egiziano che rispecchi il più possibile l’originale.

Occhi

Malachite

Malachite. Foto: Di Rob Lavinsky, iRocks.com – CC-BY-SA-3.0, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10148274

A destare maggiore attenzione è sempre stato il trucco egiziano occhi, per il quale in origine erano utilizzati la malachite, un carbonato di rame di colore verde intenso, e la galena, un solfuro di piombo di colore molto scuro. Queste due sostanze, entrambe tossiche, erano diluite con acqua, resine e grassi, per poi essere applicati sugli occhi, con l’aiuto di bastoncini di legno.

Galena

Galena. Foto: Di Rob Lavinsky, iRocks.com – CC-BY-SA-3.0, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10448612

Il trucco occhi egiziano era caratterizzato da un marcato tratteggio del contorno palpebra. Le palpebre erano colorate con sostanze di diverse sfumature: ad esempio, per creare il verde, era sfumata la malachite con le dita direttamente sulla palpebra superiore e unita con grassi animali e miele, per ottenere un’aderenza perfetta.

Una tecnica eseguita avendo a disposizione un collirio nero – il mirwed – il quale va applicato con un bastoncino, l’antenato del moderno eyeliner, al quale le donne moderne non riescono a rinunciare.

Un bastoncino veniva messo a contatto con una polvere nera – il kohl – e veniva poi inserito da mani esperte all’interno dell’occhio a palpebra chiusa. Come in un disegno artistico si procedeva, poi, tracciando una linea scura nera che conferiva all’occhio una forma più allungata e al viso un fascino inebriante.

Viso e labbra

Per quanto riguarda la pelle, questa era protetta dal clima torrido e dalla sabbia del deserto con unguenti profumati e miele, che venivano spalmati sul viso e sul corpo. Era poi stessa sulle guance dell’ocra rossa, per conferire un colorito dall’aspetto più salutare. La stessa ocra rossa era mescolata a grassi, resine e olii per realizzare un rossetto da applicare sulle labbra.

Corpo

Ciò che invece ha incuriosito gli studiosi è stata la scoperta di una sorta di crema scrub, realizzata con miele, carbonato di sodio e sale marino e utilizzata dagli antichi egizi per ammorbidire e levigare la pelle.

Ma le sorprese dall’Antico Egitto non finiscono qui!

Addirittura, si è riusciti a risalire a dei trattamenti anti-age, realizzati con unguenti appositi e sostanze naturali, che venivano applicati sulla pelle, con lo scopo di distenderne le cellule.

Pianta di ligustro per manicure

Pianta di ligustro per manicure. Foto: giardinaggio.net

Per la manicure, invece, era utilizzato un estratto della pianta di ligustro, dal colore rosso, che veniva applicato come vero e proprio smalto per le unghie.

Certo, il trucco e l’attenzione alla cura della persona sono esigenze fortemente avvertite da donne e uomini da sempre, ma che la civiltà egizia aveva già recepito e portato a livelli di elaborazione e raffinatezza tali da lasciare davvero senza parole!

Tendenze make up 2018: primavera estate

Si dice “anno nuovo, vita nuova” e con il 2018 che ha iniziato a muovere i primi passi è giunto il momento di cambiare look e di pensare alle nuove tendenze make up per questa primavera-estate, quindi buttate via tutto il vostro sapere in merito a rossetti, blush ed eyeliner e preparatevi a scoprire un nuovo mondo, fatto di giochi di colori e contrasti decisi e sfumati.

Trattandosi di dare uno sguardo al futuro, per illustrare le tendenze make up non potevo che partire dal trucco occhi: gli ombretti saranno vibranti e metallici e varieranno dai nude al pastello, passando per colori più pop.

Il vero protagonista della bella stagione sarà il verde, in tutte le sue varianti, per un look sbarazzino o abbinato ad outfit ricercati.

Lo sguardo sarà felino, intenso e profondo, per un mood rock, con l’eyeliner grafico come tutto il trucco. Le sopracciglia saranno bold: folte, piene e pettinate verso l’alto, per incorniciare lo sguardo e renderlo più magnetico e audace.

Questa primavera estate, le ultime tendenze make up vogliono una donna coraggiosa, energica e decisa.

Per quanto riguarda la bocca, si sa: è la firma del make up e in questa nuova stagione spazierà dal rosa nude al rosso watermelon fino ad arrivare allo scarlatto.

Per finire, le tendenze make up per questa primavera estate puntano sulla pelle luminosa: sarà abbandonata, infatti, la tridimensionalità del contouring, per un effetto con una maggiore naturalezza e una ritrovata freschezza, e soprattutto la preparazione richiederà prodotti specifici per ossigenare la pelle.

Il mio consiglio pertanto è quello di utilizzare la linea Oyster di detergenti attivi, capaci di prendersi cura della pelle al meglio.

Ricapitolando: le tendenze make up primavera estate 2018 vedranno una donna decisa, che sappia il fatto suo, con la pelle di una bambina, ma con uno sguardo determinato e sensuale, che gioca con i colori e con gli outfit, studiando tutto nei minimi dettagli.

Per l’outfit, l’abito sarà abbinato al colore del make up, per non lasciare nulla al caso: un total look di seduzione e sensualità, che rafforzi l’autostima, tanto da trasformare la postura in atteggiamento.

Per questo servizio fotografico, abbiamo scelto un abbigliamento dalle tinte decise e dalle tonalità intense: il rosso scarlatto; il lime punch, affilato e pungente; l’Arcadia, dallo stile retrò, ma allo stesso tempo contemporaneo ed elegante; il nude, che ha in sé un senso di nostalgia; una cascata di frange oro, gentilmente concesse dalla maison Gai Mattiolo e che con il loro movimento donano una sensazione di leggerezza e dinamismo.

C’è un ritorno agli anni ’90, al grunge britannico, al senso di ribellione e alla voglia di creare una cultura giovanile e sicura, tipici di quel periodo.

Preparazione

Prima di iniziare il trucco, ho deterso la pelle utilizzando la spazzola massaggiante Pop Brush, in morbido silicone, con doppia azione: deterge e massaggia.

Per questa modella, ho scelto il detergente granulare Grainygel Cleaser, che in un solo gesto rimuove il make up e le impurità della pelle, favorendo il distacco delle cellule morte.

Dopo la detersione, ho tonificato la pelle con il tonico e fissatore trucco Mist&fix, a base di acido ialuronico, che, nebulizzato sul viso, lascia una ventata di freschezza, come rugiada. Questo tonico può anche essere utilizzato a fine trucco, come fissatore, grazie all’erba cristallina in esso contenuta e alla sua azione long lasting.

Per idratare e preparare la pelle al make up, ho applicato la base sottotrucco Make up primer, arricchita con collagere e dallo speciale effetto tensore.

Make up concept: Pablo art director Gil Cagnè;

Hairstylist: Luca D’Annibale per Alessia Solidani;

Fotografo: Luca Esposito;

Modella: Verdiana Coluccia, Miss Mondo Gil Cagnè;

Outfit: abito frange oro Maison Gai Mattiolo;

Outfit: Accademia Calcagnile

Dancing disco musa [le foto inerenti a questo look sono camicia bianca, body verde 1990 e abito oro con frange]

Per questo look, ho voluto reinterpretare lo smokey eyes, utilizzando colori più vibranti e metallici dai toni verdi e unendo il peacock green con punti luce di frosty beige.

L’effetto è volutamente disordinato, sia nel sopracciglio che nelle sfumature: in fondo, in estate abbiamo voglia di libertà!

Gli zigomi sono accarezzi da un tenero caramel, con punti luce ad effetto strobing sopra lo zigomo.

Per quanto riguarda le labbra, non le ho contornate, ma le ho rese brillanti con un lip gloss rosa nude.

Scheda trucco allegata

Scheda trucco Dancing disco Musa di Pablo Gil Cagnè

Scheda trucco Dancing disco Musa di Pablo Gil Cagnè

Pelle: uniformata e luminosa con Skin illusion 102 Skin tone; Blush 101 caramel brown, sopra l’osso zigomatico per un effetto bare look;

Occhi: sopracciglia infoltite con Eyebrow pencil 104 new brunette; Perfect duo shadows 425 metallic gold&green; Eye countour pencil 105 deep green;

Labbra: mascara Lash up; lip gloss 105 pink fever.

Graphic Arcadia [foto inerente con gillet nero con eyeliner verde]

Di interpretazione più vintage, ma insieme contemporaneo, grazie al colore dell’eyeliner verde peacock, piuttosto che del classico nero.

Gli zigomi sono colorati da un tenero peach.

Le labbra sono in primo piano, con un colore pieno, si tingono di rosso watermelon e sono perfettamente contornate, per sottolineare il grafismo del trucco insieme all’eyeliner.

Scheda trucco allegata

Pelle: uniformata e luminosa con Skin illusion 102 skin tone; Blush 107 Fresher Peach, sopra l’osso zigomatico per un effetto bohemien;

Occhi: sopracciglia infoltite con Eyebrow pencil 104 new brunette; mascara Lash up perfect duo shadows 424; Frosting greys cake liner 401 peacock green;

Labbra: Lip contour pencil 106 red passion instant volume; 404 watermelon red.

Almost sailor moon [con fondale in plastic trasparente o con fondale rosso]

Tra le tre proposte, questo è il look più romantico e da vera dreamer.

I toni sono quelli del midnight blue e del fairy lilac, che, in contrasto con l’iride marrone, conferiscono un effetto molto sofisticato ed elegante.

Il rosa polvere sfiora gli zigomi, illuminandoli e conferendo un tocco di riflesso di luna.

Il rosso scarlatto sulle labbra sarà il sigillo di questo look seduttivo.

Scheda trucco allegata

Pelle: uniforme e luminosa con Skin illusion 102 skin tone; Blush 102 fragile, fin sopra l’osso zigomatico;

Occhi: sopracciglia infoltite con eyebrow pencil 104 new brunette; mascara Lash up; Perfect duo shadows 422 barbie pinks e 421 fairy blues; Eye contour pencil 102 metallic blue;

Labbra: Lip contour pencil 108 wild berry Instant volume; 407 bloody mary.

Trucco sposa: i consigli di Pablo e Salvatore Riccardi

Per ogni donna che sogna il giorno del suo matrimonio c’è un make up artist pronto a renderla felice con il trucco sposa perfetto!

Ad ognuna il suo principe azzurro, ma soprattutto il suo make up artist e il trucco sposa che la farà sognare!

Parliamoci chiaro, in fondo, nel corso degli anni, la donna ha subito una vera e propria evoluzione: pur restando regina indiscussa dell’ambiente familiare, si è fatta strada anche nel mondo del lavoro.

Determinata, intraprendente, dolce e romantica: è la nuova donna che non sogna solamente il suo futuro, ma si adopera per costruirlo.

Dunque, le mode e le usanze cambiano e con esse anche le certezze, ma c’è una costante in questo mutamento: l’abito bianco.

La donna, infatti, è sempre alla ricerca dell’amore, tanto che sin da bambine, la maggior parte delle donne sogna il suo lieto fine.

La scena finale del film Disney “Cenerentola” ha fatto scuola: l’idea romantica è quella di fuggire con il proprio principe azzurro e attaccare alla carrozza uno svolazzante Just married.

Ma veniamo a noi: il giorno del matrimonio deve essere tutto perfetto e studiato nei minimi dettagli e in armonia, dall’abito all’atmosfera, passando per l’ambiente.

Consigli trucco sposa

Consigli trucco sposa

Ecco quindi alcuni consigli trucco sposa per assicurarsi la buona riuscita del make up!

Protagonista indiscussa è la sposa, ma per essere impeccabile il grande giorno ne avrà di strada da fare!

Almeno 3 mesi prima della fatidica data, dovrà iniziare i trattamenti per la cura del viso, del corpo, dello sguardo, dei capelli, delle mani e dei piedi.

Per quanto riguarda il make up sposa, consiglio di ricorrere ad una consulenza con il make up artist: la prova trucco servirà per reperire il maggior numero di informazioni sullo stile e sulla personalità della sposa, per assicurarci la buona riuscita del trucco sposa.

È importante conoscere i dettagli dell’abito, come modello, stoffa e colore, ma anche dell’acconciatura, così da individuare i volumi corretti in base alla morfologia del viso, e il colore del bouquet, per selezionare la gamma cromatica del rossetto e gli accessori.

Una volta terminata la prova, il make up artist dovrà compilare la scheda trucco sposa, così da non dimenticare i prodotti cosmetici utilizzati e consigliare quelli più adeguati da utilizzare per il ritocco durante la giornata: sarà un giorno importante e il nostro make up sposa dovrà resistere alla stanchezza e alle emozioni.

Make up sposa fotografico

Queste le quattro regole base per capire come truccare una sposa e realizzare un trucco per matrimonio a prova di fotografo:

  • nascondete bene i segni di stanchezza e gli inestetismi della pelle, poiché l’obiettivo accentua occhiaie, discromie e brufoletti;
  • date un colorito omogeneo e sfumate bene il fondo su viso, collo, orecchie, decolté e braccia;
  • utilizzate il chiaro scuro per ripristinare i corretti volumi, in base alla morfologia del viso, poiché la fotografia tende ad appiattirli;
  • realizzate un’assoluta opacità, applicando abbondantemente la cipria in polvere libera in tre fasi, in particolare sulla zona T e una volta ultimato il trucco, poco prima che la sposa esca da casa.
Cipria per trucco sposa

Cipria per trucco sposa. Modella Jessica Riccardi – Hair stylist Gennaro Diana – Dress: Salvatore Pappacena.

Preparazione della pelle

Preparare la pelle è fondamentale per garantirsi la buona riuscita del proprio trucco sposa, pertanto consigliamo la Oyster skincare, per detergere ed illuminare il viso.

Preparazione della pelle al make up

Preparazione della pelle al make up

Per applicarlo, potete aiutarvi con la Pop brush, la nuova spazzola massaggiante in morbido silicone che libera la pelle del viso dalle impurità e dai residui dei make up precedenti e che, grazie alle sue vibrazioni, consente un perfetto assorbimento dei cosmetici che andrete ad applicare.

Pop brush spazzola massaggiante

Pop brush spazzola massaggiante

È importante scegliere il tipo di detergente da utilizzare in base al tipo di pelle: la mousse micellare, per pelli delicate e secche; il grainy gel per pelli inspessite; il jelly jem, per pelli secche; lo spashing cleansing stick, per pelli grasse o acneiche.

Per gli occhi, consiglio sempre uno struccante specifico, quale il two phase remover, mentre per rifinire la detersione ed eliminare qualsiasi traccia di untuosità, il mist&fix è il migliore, in quanto può essere utilizzato sia per tonificare che a fine trucco, nebulizzandolo a 20 cm dal viso.

Applicate il make up primer per idratare la pelle e creare una base sottotrucco levigante, con uno speciale effetto tensore ed arricchita con collagene.

Per realizzare una base trucco perfetta, utilizzate i Functional concelear, che vi aiuteranno ad eliminare qualsiasi discromia o imperfezione del viso.

I functional sono dei correttori fluidi coprenti ed idratanti a rapida asciugatura, dal touch morbido e setoso e ricchi di filmanti water resistant, che garantiscono un’ottima copertura e aderenza, pur mantenendo un piacevole effetto no-weight; inoltre, sono facili da applicare e da sfumare, grazie al comodo packaging:

  • 210 vanilla (vaniglia): un correttore color vaniglia adatto a pelli nordiche, che elimina le ombre violacee sotto gli occhi;
  • 220 honey (miele): un correttore color miele studiato per le donne dal colorito intermedio, che contrasta il grigio e i piccoli capillari azzurri;
  • 230 apricot (albicocca): un correttore color albicocca, consigliato su donne dalla carnagione scura e mediterranea, che neutralizza le profonde occhiaie bluastre e le macchie brune.

Per uniformare bene la pelle, optate per lo skin illusion, che garantisce una perfetta copertura, minimizzando le imperfezioni della pelle, e che dona una perfetta opacità, grazie alla sua formula strategica oil free.

A questo punto, il make up artist passerà al contouring e all’highlighting, valorizzando la sposa e correggendone i tratti più duri, per creare un trucco sposa naturale e più fotogenico.

Trucco sposa: occhi

Trucco sposa occhi

Trucco sposa occhi

Per quanto riguarda il trucco occhi, è importante considerare i colori della sposa: i beige ed i marroni mantengono sempre un aspetto piacevolmente minimal e sono adatti soprattutto ai fototipi intermedi con capelli castani; le bionde saranno valorizzate al meglio con la gamma dei rosa e dei grigi; per le more consiglio la gamma dei pesca e degli albicocca, che ne scaldano il sottotono olivastro.

Per concludere, incorniciate lo sguardo applicando ciglia finte a ciuffetti.

Trucco sposa: labbra

Il trucco sposa labbra

Il trucco sposa labbra

Per le labbra, dobbiamo puntare su un effetto a lunga tenuta, per cui ecco pochi e semplici step da seguire, senza dimenticare mai il colore di ombretti, fard e bouquet:

  • stendete il fondotinta sulle labbra con la spugnetta in lattice e fissate con la cipria in polvere 101 neutral;
  • bordate la rima labiale con la matita prescelta;
  • riempite le labbra con il matitone lip nude mat;
  • applicate il rossetto selezionato con il pennello 115;
  • spolverate la cipria sul piumino e avvolgetelo con un velo di kleenex, per fissare il rossetto con la cipria ed eliminare l’eccesso di prodotto con il kleenex;
  • create i punti luce con la matita occhi 101 second skin, da applicare fuori e dentro le labbra, a seconda di come volete correggerle;
  • riapplicate il rossetto e fissate di nuovo tamponando;
  • applicate al centro delle labbra l’ombretto utilizzato per i punti luce del trucco occhi oppure un rossetto di un tono più chiaro rispetto a quello usato precedentemente.

I ritocchi

Ritocchi di trucco

Ritocchi di trucco

I ritocchi saranno fondamentali e dovranno concentrarsi sulla zona T, quale fronte, naso e mento, e sulle labbra, per mantenere più a lungo un effetto kiss proof.

Un piccolo accorgimento per le promesse spose: non dimenticate mai di portare con voi un fazzolettino da nascondere nel bouquet e pronto all’uso, qualora l’emozione dovesse prendere il sopravvento!

Inoltre, è importante ragionare sul make up sposa tenendo conto anche del fatto che questa sarà fotografata per l’intera giornata: il vostro trucco da sposa dovrà quindi rispondere anche alle esigenze fotografiche, garantendo una lunga tenuta.

Acconciature sposa

Completato così il vostro trucco sposa, perché non pensare anche a quale acconciatura sposa scegliere?

Se siete indecise, date un’occhiata a quelle pensate dal hair stylist Salvatore Riccardi del salone “Oltre l’immagine parrucchieri” e formatore della Matrix?

Salvatore Riccardi

Salvatore Riccardi

Ecco le sue proposte!

Lo chignon alto resta un intramontabile, che si adatta un po’ a tutti i tipi di abito e che può essere personalizzato con accessori e adattato in base alla personalità della sposa.

Chignon alto

Chignon alto. Acconciatura di Salvatore Riccardi

Lo chignon morbido è invece l’acconciatura più versatile di tutte e abbinabile a più stili di abito, dai più particolari a quelli più classici.

Chignon morbido

Chignon morbido. Acconciatura di Salvatore Riccardi

Per il 2018, però, Salvatore Riccardi consiglia le trecce, in tutte le varianti conosciute: da quelle pulite e lisce a quelle più imprecise e apparentemente meno curate, da scegliere sempre tenendo conto del modo di essere della sposa.

Trecce sposa

Trecce sposa. Foto di Salvatore Riccardi

In alternativa, un semiraccolto è una soluzione da considerare, come quello con treccia alta, che parte lateralmente e incornicia la testa fino a chiudersi e lasciare al centro una parte di capelli leggermente cotonati.

Semiraccolto

Semiraccolto

Se poi proprio non volete fare a meno di sfoggiare i vostri capelli liberi, piuttosto che costringerli in strette pettinature, allora potete lasciarli sciolti sulle spalle e volumizzare e dare movimento alle lunghezze con l’aiuto di un ferro con diametro più grande.

Trucco perfetto e acconciatura da sogno: tutto pronto per il grande giorno!

Modella: Verdiana Coluccia
Hairstyle: Premier Coiffeur Angelo Anchora
Fotografo: Laura Stefanelli Laura Stefanelli
Vestito: Calcagnile Academy

Corso make up artist: al via la Face Place!

Domenica 22, lunedì 23 e martedì 24 ottobre si sono aperte le porte della Face Place per accogliere le nuove allieve del corso make up artist 2017/2018.

La sede è stata messa a lustro per l’occasione: un ricco buffet e fiori colorati hanno fatto da nastro di partenza per queste tre intense giornate di corso make up artist, che hanno visto l’entusiasta adesione di tutti i partecipanti a questo evento!

Domenica 22 e lunedì 23 sono state le giornate dedicate alla teoria in aula, durante le quali le ragazze sono state introdotte al mondo del make up.

È stata spiegata loro l’importanza dei giusti prodotti e degli strumenti del mestiere, con particolare riferimento ai pennelli, dei quali un truccatore non può fare a meno. Sono state date anche nozioni iniziali relative allo studio della morfologia del viso e le correzioni che si possono effettuare su di esso, servendosi del trucco.

Durante il pomeriggio della prima giornata, si è tenuta una dimostrazione su modella, così da dare concretezza alle parole dette in aula e far vedere gli effetti pratici di quanto precedentemente studiato.

Carol, la modella, era un fototipo nordico di carnagione chiara: sono stati esaltati i suoi colori freddi, con armonie legate al marrone e toni neutri; per l’acconciatura abbiamo scelto di realizzarne una più morbida, così da smussare i tratti più spigolosi che caratterizzavano la morfologia del suo viso.

Makeup Carol modella

Makeup Carol modella

Martedì 24 è stato l’ultimo giorno del corso make up artist, che ha visto le corsiste cimentarsi nella parte pratica, in modo da dar loro la possibilità di applicare quanto imparato di nuovo a lezione.

L’allegria e la curiosità hanno fatto da padrone in questi tre giorni!

Così è iniziato un viaggio nel mondo del make up, che è stato anche un percorso snodatosi per tutta l’Italia: infatti, le corsiste provenivano da diverse parti del paese, così che oggetto di studio sono stati sì i differenti fototipi, ma anche i rispettivi dialetti!

Modella Carol al Corso Make Up Artist

Modella Carol al Corso Make Up Artist

Dalla Face Place è tutto.

Ci vediamo alla prossima: l’armocromia ci aspetta!

Trucco Halloween bello da paura: le idee dalla Disney

Halloween si avvicina e noi sappiamo quale sarà la domanda più gettonata… no, non stiamo parlando del “trick or treat?”. Ci riferiamo piuttosto a quello che sarà il vero tormentone dei prossimi giorni “come vestirsi ad Halloween?” o, meglio, “quale sarà il mio trucco Halloween?”.

Trucco Halloween

Trucco Halloween di Pablo Gil Cagnè

Le donne sono costantemente in balìa di tali dubbi amletici, ma nei giorni di festa le acque si agitano ulteriormente ed il mare diviene in tempesta. Originalità, sensualità, eleganza, attinenza al tema: sono questi gli ingredienti da fondere in un unico look, per creare un trucco Halloween diverso che si faccia notare.

La caccia alle streghe è iniziata e con essa anche quella all’outfit giusto.

La notte di Halloween è una notte diversa da tutte le altre: le tenebre aprono le porte all’ignoto e alla paura e tutte le creature che abitano i nostri incubi prendono vita.

Il fascino delle donne è da sempre legato al mistero, questa notte più che in qualunque altra si può davvero stregare con la bellezza: ecco allora che la mia proposta per questo Halloween 2017 si ispira alle favole Disney.

In fondo, che cos’è una favola, se non l’altra medaglia di un incubo?

Ecco allora che alle classiche streghe, vampire, donne ragno, zombie, bambole assassine e Morticia e Mercoledì, si affiancano Maleficent, Ursula e Grimilde.

Ma come realizzare il look Maleficent con il vostro make up per Halloween?

Per creare il make up da cattiva della Disney, per prima cosa bisognerà schiarire l’incarnato: per fare ciò ho utilizzato il fondotinta skin illusion 101.

Successivamente, ho evidenziato il contouring con il correttore shader 106, che ho fissato con l’ombretto viola 106, in modo da conferire un effetto “fumetto”.

Make up per Halloween

Make up per Halloween

Per quanto riguarda i punti luce, invece, ho usato il correttore 101 e ho fissato il tutto con l’ombretto dorato 109, per creare un effetto strobing.

Con sopracciglia e ciglia, ho voluto richiamare il piumaggio del corvo di Malefica, suo consigliere e spia.

Come truccare per Halloween

Come truccare per Halloween

Per il trucco occhi, ho creato una cut crease, utilizzando due colori complementari: il viola, ombretto 106, e il giallo-oro, ombretto 109.

La bocca sicuramente è la firma del trucco e, per conferirle un aspetto ancora più malefico, ho disegnato il contorno geometrico con la matita occhi nera numero 103, sfumandola verso l’interno della mucosa labiale, e ho aggiunto successivamente il rossetto rosso ciliegia 112.

Dei capelli, invece, si è occupato l’hairstylist Gennaro Diana, che ha suddiviso la testa in due sezioni con una riga centrale, così da creare due code alte: una sul lato destro e una sul lato sinistro. Sulla fronte ha realizzato un posticcio a forma di triangolo con la punta verso il basso, che, come una frangetta, incornicia il viso.

È davvero il caso di dirlo: sarete belle da paura!

Pablo Gil Cagnè protagonista a Una ragazza per il cinema 2017

La manifestazione Una ragazza per il Cinema, giunta alla 29esima edizione si è svolta presso il teatro antico di Taormina.

Una Ragazza per il Cinema

Una Ragazza per il Cinema: finale nazionale. Foto: Gianfry Nepitelli

Una serata indimenticabile di fine estate, in uno scenario mozzafiato, l’antico teatro di Taormina occupato da un pubblico meraviglioso in ogni posto disponibile. 103 bellissime ragazze sono sfilate sotto gli occhi attenti della giuria di alto profilo tecnico, composta, oltre che dal famoso make up artist Pablo Gil Cagnè, da Rossella Izzo, Fioretta Mari, Garisson la Rochelle, Franco Battaglia, Dottor Papalia sponsor di Guess, Riccardo Signoretti. Organizzatori della serata Antonio Lo Presti e Daniela Eramo. Tra gli ospiti della serata, presentata dalla bellissima Anna Falchi e dal bravissimo Riccardo Signoretti, Paolo Migone, Karima Ammar e Stefania Bruno.

Anna Falchi e Riccardo Signoretti

Anna Falchi e Riccardo Signoretti

Pablo Gil Cagnè, consegna le fasce

Pablo a Una Ragazza per il Cinema

Pablo Gil Cagnè consegna le fasce a Una Ragazza per il Cinema

Pablo Gil Cagnè ha cinto con la fascia di miss Gil Cagnè la ragazza terza classificata con il numero 103, Rebecca Bonello.
La fascia mességué è andata alla ragazza numero 101, Beatrice Dallan, ed è stata consegnata da Fernando Melileo.
Infine, la fascia Jean klebert se l’è aggiudicata la numero 95, Angela Etiope, poi vincitrice del concorso consegnata da Claudio Marfurt.

Pablo Gil Cagnè, dalla parte dei giovani talenti

Truccatore a Una Ragazza per il Cinema

Truccatori a Una Ragazza per il Cinema

L’emozione delle partecipanti era palpabile. Grandi sogni e ambizioni sono state messe in gioco da ragazze capaci e pronte a tuffarsi nel dorato mondo del cinema. “Scoprire giovani talenti mi dà sempre grandi emozioni – ho avuto modo di dire, nel corso della serata – infatti, penso che il talento presente in ogni persona deve sempre trovare una qualcuno che, con la sua esperienza, l’aiuti a tirarlo fuori. É fondamentale, accompagnare il cammino di queste giovani ragazze nella loro crescita. Circondarmi di giovani talentuose mi dà sempre molta energia e nutre la mia creatività, portandomi a realizzare look sempre differenti. Tra i momenti più belli della serata, senz’altro la consegna della meravigliosa corona Xento. Voglio anche ringraziare il gruppo di 32 truccatori provenienti da ogni parte d’Italia, che hanno studiato alla Face Place Academy e che ho avuto il piacere di coordinare nell’occasione.

Con la gioia nel cuore e la soddisfazione per l’esito della serata ti do appuntamento alla prossima edizione e faccio un grande in bocca al lupo a tutte le ragazze, a chi ha vinto oggi e a chi vincerà domani.

Regole di make up: a cosa fare attenzione

Quando si tratta di beauty care e di make up spesso si sottovaluta l’esistenza di una sorta di “galateo del trucco”.

Infatti, non è assolutamente vero che in materia tutto è lecito: esistono delle regole da seguire sul dove, come e quando sia opportuno applicare il make up.

Truccarsi o anche solo darsi una sistematina veloce al viso durante la giornata sono gesti intimi e personali, che non vanno trasformati in uno spettacolo, più o meno inappropriato.

Truccarsi

Truccarsi durante la giornata

È comprensibile che una donna applichi il mascara al volo nell’abitacolo della propria auto, tra un impegno quotidiano e l’altro. Mentre la situazione è invece ben diversa per coloro che ritoccano continuamente il proprio make up avanti a tutti, incipriandosi continuamente o ancora peggio applicando il gloss appena finito di mangiare e ancora sedute a tavola, oppure nella toilette del ristorante.

È un gesto inappropriato, maleducato e privo di bon ton.

Inoltre, il trucco accompagna la donna in ogni sua attività quotidiana e nell’arco dell’intera giornata, facendola sentire più sicura di sé e curata.

Tuttavia, è importante non esagerare mai e non eccedere nel seguire le mode: il make up va valutato in base alla propria fisionomia, alla propria personalità e ai propri caratteri estetici.

Evitate sempre di seguire tendenze che non si adattano bene a voi e al vostro fisico!

Altro aspetto fondamentale del bon ton in tema di make up riguarda gli orari e gli impegni quotidiani.

Il trucco, infatti, deve essere scelto in base agli impegni sociali, in modo da non essere mai fuori luogo o inappropriato.

Buona regola è quella di utilizzare colori neutri durante il giorno, soprattutto sul luogo di lavoro. Optate per uno stile curato, semplice e non appariscente, evitando strass, paillettes e manicure troppo sfarzose o, peggio ancora, trascurate.

Un punto controverso in tema di make up è quello relativo all’utilizzo del rossetto rosso.

Rossetto rosso

Rossetto rosso

Il galateo prevede che questo vada sfoggiato solo in determinate occasioni e non nelle prime ore della giornata: delle labbra troppo marcate non sono mai indice di eleganza.

Tuttavia, la moda ci permette di essere più permissivi e osare con tonalità scure, come il burgundy, il prugna o rossetti violacei, facendo bene attenzione però a truccare il resto del viso in modo più soft e a bilanciare i colori. Attenzione agli arancio o rossi aranciati perché vanno ad enfatizzare il colore non proprio bianco di molti sorrisi, mentre i violacei tendono invece a creare una sorta di ‘sbiancamento ottico’ del sorriso.

In ogni caso, ciò che conta è sentirsi sempre a proprio agio e non sfoggiare mai make up che vi facciano sentire inadatte o a disagio.

Certo, quanto detto non significa che non ci si debba curare, ma bisogna farlo nei luoghi e nei tempi adeguati.

Non dimenticate mai che prendersi cura del vostro corpo e del vostro aspetto non è altro che una forma di rispetto verso voi stesse e verso gli altri.

Contouring e Highlighting: bye-bye imperfezioni!

La tecnica del contouring e dell’highlighting si è rapidamente diffusa negli ultimi anni.

Cambia viso con il contouring

Contouring  e highlighting sono due tecniche di trucco utilizzate dai make up artist professionisti, che mirano a correggere le imperfezioni del viso: naso largo, mento pronunciato, fronte alta.

Il contouring è mette in risalto i punti di forza del viso e ne ridefinisce le proporzioni, attraverso correttore bronzer.

L’highlighting al contrario illumina alcune zone del volto, attraverso l’utilizzo di prodotti chiari, quali correttore e blush illuminanti.

Il risultato complessivo finale è una forma del viso simmetrica e armoniosa, ottenuta proprio attraverso questo sapiente gioco di chiaro-scuro.

Proprio per questa sua capacità di correggere eventuali difetti, la tecnica del contouring e dell’highlighting ha la sua massima resa nei trucchi fotografici e nei trucchi da sposa.

Contouring

Contouring: Trucco per Gai Mattiolo

Tuttavia, è largamente utilizzata anche nella realizzazione di trucchi da sera particolarmente curati e destinati ad occasioni ed eventi speciali.

Il consiglio di Pablo della Maison Gil Cagnè è quello di evitarne l’utilizzo nel make up quotidiano: i tempi di realizzazione sono lunghi e, se non si realizza una corretta sfumatura, il rischio è quello di sembrare travestiti da indigeni indiani!

Altro consiglio del make up artist è quello di utilizzare prodotti in crema, in quanto si legano in modo più omogeneo alla base del fondotinta.

Tuttavia, se si sta eseguendo un contouring su pelli dai pori dilatati o particolarmente grasse, è consigliabile utilizzare prodotti in polvere.

Inoltre, che si opti per prodotti in crema o in polvere, è importante applicarli utilizzando gli appositi pennelli, per eseguire in modo preciso ogni sfumatura.

Fondotinta wet & dry

Fondotinta wet & dry

Infine, per contrastare l’effetto lucido, Pablo consiglia di applicare il fondotita Wet&Dry 101, per il chiaro, e il Wet&Dry 103/104 per lo scuro.

E ricordate: non ci sono irregolarità e imperfezioni a cui contouring e highlighting non possano rimediare!

Make up dell’antico Egitto

Vi sarà sicuramente capitato di vedere qualche film in cui bellissime attrici interpretavano altrettanto belle donne dell’Antico Egitto, sapientemente truccate, con il caratteristico contorno occhi che le contraddistingue.

Ebbene, le donne egizie si truccavano molto, ma non si trattava delle donne del popolo.

Quelle di cui voglio parlarvi sono le grandi regine ed imperatrici egizie.

Trucco egiziano

Trucco egiziano: interpretazione moderna

Figure del calibro di Cleopatra, Nefertiti e Hatshepsut.

Ma come si truccavano queste donne tanto belle quanto potenti?

L’aspetto che più colpisce l’osservatore delle figure femminili egizie è senza dubbio il trucco occhi realizzato su di esse.

Questo era eseguito utilizzando un collirio nero – il mirwed – applicato con un bastoncino, che costituisce una sorta di antenato del moderno eyeliner, a cui molte donne contemporanee non riescono a rinunciare.

Si trattava di un bastoncino con una polvere nera – il kohl – che veniva inserito all’interno dell’occhio e, chiusa la palpebra, si procedeva tracciando una linea scura nera per conferire all’occhio una forma più allungata.

In seguito, sono stati molti i truccatori che si sono ispirati a tale modello, tra cui anche Alberto De Rossi, uno dei make up artist più importanti nella storia del cinema e artefice del trucco di Liz Taylor, proprio nel ruolo di Cleopatra.

In tale pellicola, gli eyeliner avevano un effetto molto più fashion di quanto lo fosse nella realtà.

Infatti, la linea realizzata sugli occhi delle regine egizie non era un tratto che andava verso l’alto, come si è usato poi dagli anni 50 in poi.

Scultura Trucco Egiziano

Make up Egiziano. Foto: Giuseppe Fata

Si trattava piuttosto di una linea abbastanza dritta, quasi discendente, proprio perché seguiva la morfologia dell’occhio, che obbligava appunto il tratto ad un andamento più discendente.

Per quanto riguarda il make up viso, erano utilizzate delle paste per alterare il colore della pelle.

La cosa curiosa è che queste paste erano applicate soprattutto per schiarire; infatti, quella egizia era una popolazione dalla carnagione olivastra, se non quasi mulatta. Di conseguenza, le donne tendevano a schiarire la pelle per avere un aspetto più luminoso.

Tuttavia, il loro intento, andava ben oltre l’aspetto estetico.

Si trattava, infatti, di una vera e propria alterazione della realtà: l’effetto che si voleva nel popolo che ammirava le regine era la percezione di un forte distacco di queste con la realtà.

In sostanza, era un discorso religioso e divino.

L’apparizione e la visione di queste imperatrici doveva essere una sorta di manifestazione divina, dinanzi alla quale il popolo doveva provare solo timore reverenziale.

Una civiltà che non smette di affascinare e stupire, dunque, ma da oggi un po’ meno misteriosa per quanto riguarda il make up, grazie alle piccole rivelazioni di un esperto truccatore come Pablo.

Come diventare Make Up Artist? Ecco i segreti di Pablo

Mi hanno chiesto spesso come diventare makeup artist e quali siano i suoi segreti.

Il segreto del makeup artist

I segreti del Make Up Artist

Come direttore e formatore presso un’accademia di trucco, posso dirvi che io e gli altri insegnanti siamo a completa disposizione dei nostri allievi, per insegnare loro tutto quanto sappiamo.

Ma come make up artist ed ex allievo, voglio rivelarvi quelli che per me sono i veri ingredienti magici per riuscir bene in questo mestiere.

La dedizione e la passione per ciò che fate.

Questo è ciò che non imparerete in nessun’aula e in nessun’accademia.

Prima di cominciare ogni corso, faccio sempre una piccola intervista ai miei futuri allievi.

Lo scopo?

Capire effettivamente quali sono le loro motivazioni.

Il lavoro di make up artist è un lavoro sì artigianale, perché serve una spiccata manualità, ma è anche un lavoro molto di psicologia.

Il lavoro del Make Up Artist

Il lavoro del Make Up Artist

Bisogno essere portati e pronti a lavorare sodo.

È un percorso lungo, che non si ferma al corso in sé.

C’è tutto una sorta di “praticantato” da portare avanti, perché non basta un anno di scuola per essere davvero pronti.

Personalmente, ho lavorato con Gil Cagné, che è stato il mio maestro a scuola. Poi l’ho seguito per un altro anno, in modo da imparare da lui quelli che sono i piccoli trucchi del mestiere.

Pablo Gil Cagnè e Gil Cagnè

Insieme con il Maestro Gil

Ecco perché secondo me ci vogliono molta dedizione e molta passione.

Non possiamo insegnarvi la tecnica.

Ma questi due ingredienti dovete portarli con voi, sempre!

Truccare una donna

Truccare una donna

E ricordate: in ogni donna che andrete a truccare, c’è sempre una piccola porticina. Bisogna saperla trovare, ma una volta che siete riusciti ad entrare, il vostro sarà un rapporto di fiducia completa!