Armocromia: il test dei colori per scoprire che stagione sei

Quante volte davanti alla scelta di una maglia o del colore di un rossetto vi sarete sentite dire:”così stai meglio” oppure “questo colore ti dona”? Vi siete mai chieste perché un colore vi si addica più che un altro? Se sì, la risposta potete trovarla nell’armocromia!

Le semplici e banali frasi delle vostre amiche nel darvi un parere su quale colore sia meglio per rispetto ad altri racchiudono un mondo, che è quello dell’armocromia: quella che sembra una scelta meccanica e d’impatto è invece dettata da profonde motivazioni, che ora proverò a spiegarvi.

Quando ci si deve vestire o truccare, la scelta del colore giusto, che calzi a pennello col vostro colorito, è davvero importante: infatti, un colore può rendere il vostro incarnato luminoso o al contrario spegnerlo irrimediabilmente. Ecco il perché della risposta “cosi stai meglio” che viene immediata dal nostro amico.

Armocromia il test dei colori per il trucco

Armocromia il test dei colori . A partire da sinistra: Monica Marocco (look maker) – Pablo Gil Cagnè – Erica De Matteis (modella) e Rachele Landi (look maker)

Ma come fare quindi a capire quale colori ci dona di più di altri?

Semplice, basta seguire l’armocromia! Ma vediamo insieme cos’è.

Iniziamo parlando dell’origine etimologica del termine, ossia armonia e chroma, che in greco vuol dire appunto, colore: l’obiettivo di questa particolare arte è determinare un’armonia di colori per la propria persona.

Tale studio nasce nel 1978 , con l’uscita del libro Color me a season” di Bernice Kentner, cosmetologa, interessatasi allo studio e all’analisi dei colori.

Nel suo libro, l’autrice spiega che, cosi come coordiniamo i colori all’interno di una casa per rendere gli ambienti più piacevoli, possiamo procedere allo stesso modo con il corpo umano.

Prima di tutto, per abbinare i colori sulla persona bisogna tener in considerazione lo sfondo, ovvero la pelle, più nel dettaglio del tono e sottotono della carnagione.

Ora è arrivato il momento di giocare un po’ insieme partendo con il test dei colori!

Abbinare i colori alla persona

Abbinare i colori alla persona

PRIMA FASE. Secondo l’armocromia, ciascuno di noi appartiene ad una stagione, le quali a loro volta hanno una differente tabella di colori di riferimento.

Per capire quale tabella faccia al caso vostro, dobbiamo vedere la risposta del colorito della pelle al colore che gli si accosta e capire quali sono i colori caldi e freddi.

I colori delle stagioni

Tabella colori delle stagioni

Tabella colori delle stagioni

L’inverno è caratterizzato da una gamma di colori freddi, puri, profondi, primari e saturi “brillanti”.

La gamma di colori che definisce l’estate è fredda, luminosa e tenue, quindi si tratta di colori poco saturi o insaturi “polverosi”.

La primavera mostra una selezione di colori caldi, puri e luminosi, con toni allegri e vivaci.

L’autunno, invece, è caratterizzato da una varietà di tonalità calde, tenui ed intense, colori piuttosto soft e molto caldi.

SECONDA FASE. Una volta capito colori caldi e colori freddi quali sono e individuato la vostra stagione, dovrete considerarla come appartenente a quattro grandi categorie, che a loro volta sono suddivise in sottocategorie, per l’esattezza 12, come i mesi dell’anno.

L’inverno si suddividerà, quindi, in:

  • inverno profondo, in cui regnano le tonalità scure, per cui alle persone appartenenti a questo sottogruppo doneranno i colori primari, saturi, non troppo caldi. Nell’armadio dovranno avere capi rosso puro, prugna, verde foresta, mogano;
  • inverno freddo, per il quale si punterà su colori freddi, puri; sono ok il rosso, il blu, il bianco, il nero o il magenta;
  • inverno puro-assoluto, dominato da colori lucenti e brillanti, molto saturi e appariscenti, come, per esempio, il blu elettrico, il giallo canarino, il fucsia e il verde smeraldo.

L’estate, invece, sarà:

  • estate fredda/assoluta, per persone dall’incarnato caldo ed un colorito olivastro: i colori utilizzati dovranno essere non particolarmente sgargianti, ad esempio, andranno bene le varie tonalità di blu ed i colori freddi;
  • estate luminosa/chiara, per cui andranno utilizzati colori neutri o freddi, come il rosa cipria, il beige, l’azzurro chiaro, mentre sono sconsigliate le sfumature accese;
  • estate tenue: chi appartiene a questa sottocategoria deve prediligere capi con predominanza di colori soft come il grigio, il porpora e il rosa scuro.

La primavera è:

  • primavera luminosa/brillante, per le donne con una pelle molto chiara, pallida e quasi eterea, colori adatti a loro saranno i colori shock e decisi, come il blu o il rosso corallo, che accentueranno il colorito del viso;
  • primavera chiara, con prevalenza di colori chiari, ma allo stesso tempo caldi e morbidi; la differenza rispetto ala sotto-stagione che segue sta nella preminenza di questa prima caratteristica: chi sceglie crema, acquamarina o pesca è sulla giusta strada;
  • primavera calda/assoluta, vuole colori caldi ed accesi, come giallo narciso o violetto.

L’autunno, invece, per finire si suddivide in:

  • autunno profondo/caldo, per colori scuri e profondi: la palette cromatica somiglia a quella dell’autunno assoluto, ma con toni più dark. Tra le sfumature di marrone, ad esempio, in questo caso si consiglia di preferire il mogano e tra i viola, il color melanzana;
  • autunno tenue, dai colori caldi, ma meno intensi rispetto all’autunno profondo e a quello assoluto, per cui si consiglia di puntare su colori soft, come il verde oliva;
  • autunno assoluto/intenso, per persone dal tono della pelle caldo e piuttosto scuro. Perfetto agli accostamenti di colori carichi e ricchi come rosso, oro, marrone.

Quando si effettua il test cromatico da sole, tuttavia, si rischia di non essere obiettive: ecco allora 5 step da seguire, che vi aiuteranno nell’identificazione dei diversi tipi di carnagione:

  1. via il trucco, prima di tutto;
  2. munitevi di specchio e sedia;
  3. tenendo a mente questo articolo e consultando le tabelle, inizia ad accostare al viso uno per volta dei foulard o dei teli colorati;
  4. chiedete aiuto ad una persona esperta o che sappia darvi i giusti consigli;
  5. procedete con il test in una zona ben illuminata; mi raccomando: la luce del sole che arriva non deve essere diretta;
  6. cercate di indossare qualcosa di bianco o tinta unita mentre eseguite il test, perché nessun altro colore deve frapporsi tra voi ed il telo o foulard.
Scelta dei colori per il makeup

Gioco dei teli: scelta dei colori per il makeup

Durante i corsi di trucco armocromia, insieme alla classe, anche io ho effettuato il test dei colori sulla bellissima Erica De Matteis, prima di procedere con il make up: da una prima analisi, i capelli sono risultati chiari, la pelle chiara, le sopracciglia chiare e gli occhi chiari, facendoci orientare, sin da subito, verso la stagione della primavera o dell’estate. A questo punto abbiamo iniziato il gioco con i teli:

  • oro e argento, per capire se l’incarnato fosse caldo o freddo: accostando l’argento, il viso si spegneva, mentre con l’oro risultava più caldo e luminoso;
  • bianco ottico e avorio: su di lei, il primo risultava troppo freddo, rendendo la pelle poco omogenea, i segni del viso più evidenti e le occhiaie più accentuate; l’avorio, invece, metteva il viso al centro dell’attenzione, facendo apparire l’incarnato levigato e gli occhi luminosi, conferendo, inoltre, un generale senso di armonia;
  • arancione e fucsia: il primo valorizzava ed illuminava il viso, mentre il fucsia non la rendeva così raggiante.

Alla fine del gioco, Erica è quindi risultata appartenere alla palette dei colori della primavera: a quel punto, eravamo finalmente pronti per procedere con il make up.

Lezione makeup armocromia

Lezione makeup armocromia

Per lei, ho scelto uno smokey eyes e sono quindi partito dagli occhi.

Smokey eyes test colori

Smokey eyes test colori

Come prima cosa, abbiamo applicato la cipria 103 neutra, per evitare il fall out; la base dello smokey è stata fatta con la matita nera bio 102 Onyx black e l’ombretto cotto Blue black, sfumato con il pennelo 206 sulla palpebra mobile, con il pennello 204 sulla palpebra fissa e con il pennello 207 nella palpebra inferiore.

Matita Occhi Onyx Black

Matita Occhi Onyx Black della Baldan Group

Abbiamo poi inserito poi il fard Coral bay 105, con il pennello 204, e realizzato il punto luce con l’ombretto oro, applicato con il pennello 209.

La base è stata creata con il correttore functional concealer Vanilla 390, steso con il pennello 102. Il lighting è stato realizzato grazie all’illuminante, applicato con il pennello 210 ed il contouring con lo shader e il pennello 203.

Ho quindi fissato il tutto con la cipria neutra, servendomi del pennello 201, e ho applicato il fard 103 sotto lo zigomo e il fard 105 sopra, entrambi con il pennello 202.

Come mascara, ho scelto il lash up.

Le labbra si sono tinte dell’hydralipstick Tangerine orange 403, applicato con il pennello 212, ed del gloss Dolce diva red, mentre come matita ho usato la 107 Party orange.

Gli accessori sono stati scelti da Monica LaJepa Marocco.

Trucco Armocromia Pablo Gil Cagnè

Trucco Armocromia Pablo Gil Cagnè

E ora? Ora non vi resta altro da fare che provare a giocare anche voi!

Buon divertimento!!!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.